Focus


Steven Holl in Milan Design Week

Una scoperta/ricerca degli elementi che generano la sua architettura: spazio, tempo, luce, colore e materiali

Durante il Fuorisalone 2018 Steven Holl presenterà: One Two Five, a cura di Marco Sammicheli, dal 18 aprile al 3 giugno presso la Galleria Antonia Jannone. Un’occasione unica per apprezzare la poetica progettuale del grande architetto statunitense. Una scoperta/ricerca degli elementi che generano la sua architettura: spazio, tempo, luce, colore e materiali.

 

Abbiamo avuto l'opportunità di chiedergli del suo lavoro, della sua filosofia e della mostra in occasione della prossima Milano Design Week.

 

Nome

 

Come hai scoperto la tua passione?


L’amore per la creazione di oggetti è sempre stata una passione sin dalla mia infanzia.


Quali sono stati i momenti cruciali della tua carriera?

 

a. Disegni infantili, dipingere edifici

b. Università di Washington, Architecture Rome Studies e i professori Hermann Pundt e Astra Zarina, 1970

c. Studi universitari: Architecture Association di Londra, 1976 con Elia Zenghelis, Rem Koolhaas e Zaha Hadid 

d. Trasferimento a New York, 1977 

e. Mostra al MoMA, 1989 (a soli 41 anni)

f. Vincita dell’Helsinki Museum Competition per il Kiasma Museum of Contemporary Art, 1994

 

Puoi fare i nomi di 3 persone che ti hanno influenzato e ispirato in modo particolare?

 

Malevich 

Le Corbusier

Louis Khan


Cosa rende il tuo lavoro unico?

 

Il disegno come forma di pensiero e un team di zelanti collaboratori


Qual è la responsabilità della nuova generazione di designer e architetti rispetto al futuro delle città e della collettività?

 

• Battersi per gli spazi pubblici e per una migliore qualità del reddito ovunque nel mondo 

• Lavorare alla tutela dell’ambiente per le generazioni future

• Mantenere viva la fiamma dell’arte dell’architettura


Il tuo lavoro come sta cambiando il modo in cui l’architettura è percepita nel mondo?

 

I movimenti del corpo attraverso lo spazio, i materiali leggeri e i dettagli sono diventati un’immagine esteriore importante!

 

Come sviluppi una strategia praticabile che tenga conto di tecnologia e sostenibilità? Molte volte vediamo la tecnologia come qualcosa di molto lontano dalla nostra realtà e i tuoi progetti mostrano proprietà tecnologiche incredibili. Come crei una soluzione semplice e straordinaria al tempo stesso partendo da qualcosa di così complesso?

 

L'idea poetica è ciò che guida il design e il significato dell'edificio in termini di posizione; mentre una data situazione guida verso l'eccellenza ambientale ed ecologica. L’uso della tecnologia d’avanguardia nei materiali, nelle strutture e nei sistemi HVAC può andare di pari passo con l’espressione poetica.


Completa la frase: "Il segreto di un piano urbanistico sostenibile efficace è…."

 

… il magico frutto di un concetto poetico trainante che dà forma a piante e sezioni con porosità urbana, abbondante luce naturale, vegetazione e spazio sociale 


Qual è l’obiettivo della mostra presentata alla Milano Design Week?

Discutere del disegno come forma di pensiero e riflettere sulla grande metropoli che è Milano


Qual è la tua città del mondo preferita? (in termini di ispirazione e paesaggio architettonico)

 

Roma: per lo spazio e la luce storica

New York: per l’imprevedibile energia e atmosfera coinvolgente

 

Puoi descrivere con una parola o una frase la prima cosa che ti viene in mente in relazione alle parole elencate di seguito:


-Spazio: camminare attraverso volumi luminosi di spazi sovrapposti
-Colore: il blu della neve che si scioglie sotto un cielo cobalto
-Luce: magiche increspature di luce scintillante sul mare
-Architettura: raggio di luce lunare sul Pantheon
-Bellezza: immenso banco di nubi traslucide
-Innovazione: mistero stimolante dell’ignoto

 

 



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.

1
1
1
1
1

Galleria Antonia Jannone, Corso Garibaldi 125
Dal 18 aprile al 3 giugno

— Vedi anche