Focus


Design a Saint-Etienne: “Working Promesse. Shifting Work Paradigms”

Per superare un passato così importante e per guardare al futuro, esattamente 20 anni fa la città ha scelto di riscattarsi attraverso il design e ha lanciato la Biennale Internationale Design.

22 marzo 2017

Saint-Etienne è una piccola città situata nel sud-est della Francia, non lontano da Lione, il cui passato è segnato dalla presenza di miniere di carbone e dall’industria pesante. Per superare un passato così importante e per guardare al futuro, esattamente 20 anni fa la città ha scelto di riscattarsi attraverso il design e ha lanciato la Biennale Internationale Design.

La decima edizione è stata inaugurata all’inizio di marzo e resterà aperta fino ai primi giorni di aprile. Le mostre e le iniziative di tutta la biennale 2017 si concentrano sulle forme e sull’evoluzione del lavoro. Infatti il tema individuato dal direttore scientifico Olivier Peyricot è “Working Promesse. Shifting Work Paradigms”, per esplorare il ruolo del design nel pensiero e nelle pratiche di progettazione per gli ambienti lavorativi. Fabbriche, uffici, oggetti, abitudini, relazioni, piattaforme digitali vengono analizzati grazie al contributo di scuole, designer, architetti e artisti.

Tra le diverse installazioni e mostre, segnaliamo l’interessante collaborazione tra Detroit e Saint-Etienne, due città dal forte passato industriale che oggi sono grandi hub creativi. Da non perdere la spettacolare mostra “Extravaillances. Working Dead”, che mette in scena la una mancanza di confini tra lavoro e tempo libero. Il progetto più folle e visionario? L’artista e designer Jerzsy Seymour ha creato la “Lucky Larry Cosmic Comune” nella quale si può trovare alloggio gratuitamente, ma in cambio di qualche ora di lavoro per il bene della comunità.

Il cuore della Biennale sono le mostre e i percorsi della Cité du Design, ma non si devono perdere anche altri siti quali il Parc-Musée De La Mine, il MAM, Musée d’Art et d’Industrie, il circuito dei negozi di rue de la Republique.

Photo credit ©P.Grasset



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.

— Vedi anche