People Valentina Auricchio

Valentina
Auricchio

Design Manager

Co-fondatrice di 6ZERO5. Gestisce progetti di design strategico, nella diffusione delle metodologie di design thinking. Dopo aver conseguito il dottorato presso il Politecnico di Milano collabora come project manager con Poli.Design, è stata direttore del Centro Ricerche dell’Istituto Europeo di Design e condirettore della rivista Ottagono Magazine.

Il Fuorisalone è una grande festa in cui tutti siamo protagonisti e spettatori allo stesso tempo.

— Valentina Auricchio
L'intervista

La versione di Valentina Auricchio sul Fuorisalone

01 febbraio 2017
1

Cosa significa il Fuorisalone per te?
_

Il Fuorisalone è una grande festa in cui tutti siamo protagonisti e spettatori allo stesso tempo. Il design internazionale viene a Milano per festeggiarsi e per brindare a ciò che ha prodotto nel mondo, nel bene e nel male. Come in tutte le feste, s’incontrano amici di vecchia data, persone che escono dalla propria tana per condividere progetti passati e futuri, si toccano le mantelle dei grandi e si evitano le persone indesiderate.

2

Cosa ti ha lasciato l’esperienza di Design City?
_

Con Design City ho ritrovato una dimensione che pensavo di aver perduto (il tempo). Se il Salone è il momento per “mettersi in mostra”, il momento per festeggiare, il momento per curiosare e lasciarsi trasportare; Design City è il momento per fermarsi a riflettere su ciò che ci ha colpiti, nel bene e nel male. Sono momenti complementari.

3

La cosa fondamentale che hai scoperto o imparato al Salone
_

Come professionista quello che ho imparato negli anni è che se si vuole presentare qualcosa durante la Design Week, e quindi si decide di investire tempo, energia ed economie, è meglio che sia qualcosa che valga la pena mostrare. Sono un po’ stufa della “bulimia progettuale” e forse non è più tempo di mostrarsi per il gusto di esserci. Ma il mio animo democratico dice anche che s’impara sempre da tutto e che se non ci fosse “il brutto” non sarebbe possibile apprezzare “il bello”. L’altra cosa che ho imparato è scoprire Milano!



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.