People Elena Salmistraro

Elena
Salmistraro

Product designer

Product designer e artista, vive e lavora a Milano. Si laurea in Industrial Design al Politecnico di Milano nel 2008; nel settembre 2009 fonda un proprio studio che si occupa di architettura e design, nel quale opera tutt'oggi.

 

Lavora come designer ed artista per diverse aziende del settore, tra le quali Alessi, Bosa, Seletti, De Castelli, B-Line, Bitossi Home, LuisaViaRoma, Yoox, NasonMoretti, Massimo Lunardon, Okinawa, Texturae, Stone Italiana, Effecte, MyHomeCollection, Durame e collabora con Gallerie d'Arte e di Design quali Dilmos, Rossana Orlandi, Camp Design Gallery e Secondome.

 

www.elenasalmistraro.com
Facebook
Instagram

È questo il bello del Fuorisalone, far scoprire posti e quartieri fantastici, evidenziando le potenzialità del design

— Elena Salmistraro
L'intervista

La versione di Elena Salmistraro sul Fuorisalone

18 dicembre 2017

Quali sono le tue fonti di ispirazione e come rimani aggiornata per il tuo lavoro?
_

Le fonti di ispirazione sono molteplici, osservo il mondo e ciò che mi circonda cercando di decodificarlo secondo le mie regole creative. Questo fa sì che le cose a me più vicine diventino inconsapevolmente i soggetti prediletti, un esempio su tutti i carillon “molossi” per Bosa.

Rimanere aggiornati invece è un duro lavoro, bisogna saper passare a rassegna i maggiori siti e testate del settore, per non parlare di mostre ed eventi.

Chi sono i tuoi eroi e maestri del design?
_

Se per eroi si intende qualcosa più che maestri, allora direi che tra i maestri ci sono sicuramente Jamie Hayon, Niki de Saint Phalle ed Hella Jongerius, mentre gli eroi sono indiscutibilmente Ettore Sottsass, Alessandro Mendini e Riccardo Dalisi.

Un’istantanea del design oggi: i social hanno cambiato il modo di comunicare i tuoi progetti?
_

Assolutamente no, ma semplicemente perché io faccio parte di quella generazione di designer nata e sviluppatasi anche e soprattutto grazie all’utilizzo dei social.

Per me i social ci sono sempre stati, sono una componente fondamentale del progetto, quel tipo di comunicazione faceva, fa e deve far parte di ogni mio lavoro; con il tempo si affinano soltanto i metodi di utilizzo.

Cosa significa il Fuorisalone per te e per Milano?
_

Il Fuorisalone per me è sinonimo di festa, la grande festa di compleanno del design, a cui designer ed aziende donano le loro creazioni. Per Milano è vita, niente al pari del Fuorisalone riesce ad animare questa città che sempre più spesso sonnecchia. Neanche la moda o il tanto atteso Expo, riescono o sono riusciti a creare quella magica energia del Fuorisalone.

Il tuo luogo del cuore durante la Design Week
_

Non ho un luogo del cuore, anche perché ogni anno tutto cambia. Ho amato zona Tortona, poi Lambrate, e adesso Brera. È proprio questo il bello del Fuorisalone, far scoprire posti e quartieri fantastici, evidenziando le potenzialità del design, far capire a chi Milano la vive tutto l’anno che basta poco per cambiare e migliorare il mondo in cui viviamo.

Vorrei che il Fuorisalone...
_

Vorrei che il Fuorisalone lasciasse più spesso un segno, un ricordo permanente alla città. Sono molte le iniziative e le installazioni che hanno la forza e il coraggio di migliorare la città. Trovo che sia veramente un peccato sprecare un’occasione del genere, magari dal Fuorisalone Milano potrebbe ricevere la sua tour Eiffel



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.