discover

Garage Italia Customs rappresenta tutto ciò che gli italiani amano: automobili, cibo e design

20 marzo 2018

Tre personaggi noti nei rispettivi campi: Lapo Elkann, Michele de Lucchi e Carlo Cracco hanno creato un luogo tanto attraente per gli architetti quanto per gli amanti del cibo e dell'automobile. 

 

Lo storico ex distributore Agip di Piazzale Accursio - simbolo del rinascimento industriale del dopoguerra- commissionato da Enrico Mattei, padre del miracolo economico italiano, e creato dall'architetto Mario Bacciocchi nel 1952, ospita oggi la nuova sede di Garage Italia Customs.  Uno spazio culturale di 1.700 metri quadrati dov’è possibile sperimentare alcune delle passioni più tradizionali della città. Realizzata nello stile streamline statunitense, è caratterizzato da una forma aerodinamica enfatizzata dalla grande pensilina e si colloca alla confluenza tra due grandi strade che portavano all’Autostrada dei Laghi – prima autostrada al mondo. 

 

Nome

 

Il progetto di restauro, che è rimasto in stato d’abbandono per più di vent’anni, è finalmente stato realizzato dall’architetto italiano Michele De Lucchi (tra le altre cose, Compasso d’Oro come “papà” della lampada Tolomeo di Artemide), il menu del ristorante è stato elaborato dallo chef stellato Carlo Cracco, e Lapo Elkann ha contributo al design degli interni con la sua personale e contemporanea interpretazione della tradizione impostagli dal nonno Gianni Agnelli, fondatore della FIAT.

 

La spettacolare costruzione è stata inaugurata nel 2017. I clienti sono accolti al loro ingresso da una “nuvola” composta da oltre 1.000 modellini di automobili che scendono dal soffitto. Al piano terra ha sede il bar, con un bancone laccato di un “rosso Garage Italia” appositamente brevettato e registrato. Lo staff indossa tute da corsa Sparco di colore blu per la sala e rosse per il bar. Da non perdere il corner del merchandise dove ammirare i memorabilia autografati da personaggi del mondo delle corse automobilistiche.

 

Il fulcro del hub creativo è la materioteca, uno spazio dedicato all’ispirazione e alla personalizzazione più totale, dove una grande parete-libreria mostra la qualità e la ricchezza cromatica delle lamiere verniciate, dei tessuti e delle pelli disponibili per personalizzare la propria auto, barca, o aereo. Ciò consente di assemblare un'auto come se fosse un abito su misura, onorando il marchio, la storia e il patrimonio meccanico.

 

Ma soprattutto, Garage Italia Customs è un luogo d'esperienza in cui è possibile sperimentare un simulatore di guida Ferrari il cui rivestimento richiama i primi modelli del marchio, e dove si può sentire il rombo dell'accensione del motore a dodici cilindri. Al piano inferiore sono posti i servizi interamente ispirati agli interni degli yacht, si possono notare i dettagli degli yacht Riva in versione vintage per le signore e contemporaneo per i signori.

 

Garage Italia 02

 

Il ristorante al primo piano ha grandi vetrate e il soffitto è un circuito di Formula 1. Al centro, c'è una Ferrari 250 GTO circondata da sedili appositamente progettati da Cassina con colori e simboli del mondo delle corse automobilistiche, dotati di carica batterie per cellulari e PC. Le luci che pendono dal soffitto, sono realizzate con marmitte d’auto.

 

Il ristorante è capitanato dallo chef stellato Carlo Cracco e gestito dal giovane chef Gabriele Faggionato. I nomi dei piatti sono battezzati ispirandosi ai circuiti di gara o le parti del motore. Si può ordinare una Millemiglia, un Maranello, un Ayrton Sena o, ad esempio, i tortellini Enzo Ferrari.

 

Nella terrazza, i mobili creati da Unopiú ... e un piccolo aereo customizzato.



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.

— Vedi anche