Focus


L'economia circolare, la sfida per la sostenibilità inizia dal design

L'obiettivo è offrire le linee guida per creare un'economia circolare nel settore della moda, ovvero fare in modo che i designer di tutto il mondo abbiano dei modelli comuni per creare prodotti riciclabili, durevoli, attenti all'impatto ecologico.

11 giugno 2019

Prima il bike sharing e ora un manuale di design sostenibile. La coscienza ecologica sta prendendo piede anche nell'economia di massa e Nike è pronta a cavalcare l’onda.

Circularity: guiding the future of design è il manuale realizzato da Nike per fornire un linguaggio comune sul tema dell’economia circolare, ai designer e ai produttori di tutto il settore. L'obiettivo, nello specifico, è creare prodotti che promuovano l'economia circolare che durino più a lungo e che siano progettati pensando alla loro finalità
 

Nome

L'azienda stessa lo ha messo in pratica. Come sottolineato in un suo rapporto, il 75% delle scarpe e degli abiti ora contiene materiali riciclati ma la sostenibilità gira soprattutto intorno alla tecnologia Air. I coloranti usati possono essere riciclati al 99%, i materiali al 50%, e il 95%  degli scarti non finisce a inquinare il terreno. Fuori dalla produzione, la sede di Beaverton, in Oregon, è alimentata al 100% da energie rinnovabili e ora si punta a rendere tutte le sedi sostenibili entro il 2025.
 


 

«Abbiamo il dovere di considerare la progettazione nella sua totalità, cioè come la concepiamo, produciamo, utilizziamo, restituiamo e, in ultima analisi, come la reimmaginiamo», ha affermato John Hoke, chief design officer del brand. Il manuale è basato su dieci principi, dalla scelta dei materiali alla packaging riciclabile passando per la facilità di smontaggio e la “ciclability” e può essere consultato online



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.

— Vedi anche