Focus


Le nuove copertine di Harry Potter, firmate Michele De Lucchi

Dopo oltre 20 anni dall’uscita del primo libro, Harry Potter torna con una nuova veste grafica tutta italiana.

26 gennaio 2021

La famosissima saga letteraria di Harry Potter, pubblicata dal 1997 al 2007, ha subito negli anni diversi cambiamenti di look. A volte abbiamo visto copertine con illustrazioni pop o oppure fantasy, altre volte ancora immagini realistiche o raffiguranti le tematiche e i personaggi dei libri della scrittrice J.K. Rowling.

Questa nuova edizione vede per la prima volta una collaborazione tra la casa editrice Salani e un architetto e designer italiano di fama internazionale: Michele De Lucchi. Autore di alcuni degli edifici più iconici della città di Milano, tra gli altri il Padiglione Unicredit, e di alcuni oggetti di design che hanno fatto la storia, come la lampada Tolomeo disegnata per Artemide, Michele De Lucchi ha collaborato insieme al suo studio AMDL CIRCLE con l’artista digitale portoghese Andreas Rocha.

Harry Potter

Tante e assai varie, molte bellissime, sono le copertine della saga di Harry Potter”, ha commentato Mariagrazia Mazzitelli, direttore editoriale di Salani. “Mancava ancora però un progetto grafico creato da un artista, un architetto e designer che ci rappresentasse a livello internazionale, un’eccellenza del ‘made in Italy.’ Salani ha individuato il visionario Michele De Lucchi: c’è qualcosa di ‘potteriano’ nel personaggio, nello studio che dirige, basta guardare il suo sito. La nostra proposta è stata accolta con immediato entusiasmo e, sin dal primo incontro, l’architetto aveva in mente in modo chiaro come realizzare le copertine. Abbiamo lavorato con una sintonia assoluta, mettendo insieme due team di lavoro – Salani e lo studio AMDL CIRCLE – come se stessimo realizzando un edificio, utilizzando elementi naturali come il legno, il paesaggio, il colore e la luce per amplificare l’immaginazione del lettore e l’immaginario di Harry Potter. Perché la saga stessa non è altro che un’architettura esemplare di parole dove tutto si tiene insieme”.

Ognuno dei sette volumi, in libreria dal 21 gennaio, ritrae in copertina una serie di architetture oniriche ambientate durante l’arco della giornata e situate all’interno di scenari epici ed evocativi. Le copertine vogliono raccontare e accompagnare il lettore gradualmente nel corso della storia. 

Harry Potter

“La fantasia alimenta la fantasia”, ha dichiarato Michele De Lucchi. “Le visioni alimentano le visioni. Tutta la nostra immaginazione è un processo di trasformazione, un divenire che si nutre di altre visioni consone e non per forza coerenti. Nel progetto delle copertine di Harry Potter, con il mio studio AMDL CIRCLE abbiamo inserito elementi iconici della nostra ricerca architettonica per amplificare l’immaginazione del lettore e l’iconografia della saga attraverso scenari mai visti finora, ponendo il genere fantasy in dialogo con l’architettura contemporanea. Le ambientazioni che ne derivano vogliono creare un ponte tra l’immaginario collettivo su Harry Potter e l’immaginario di ciascuno di noi. È stato bello animare i nostri edifici con le storie fantastiche di J.K. Rowling, perché dall’intreccio sono nati nuovi paesaggi immaginari”.

Sfogliate la gallery per vederle tutte!



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.

1
1
1
1
1
1
1

— Vedi anche