Focus


La terza edizione di Life in Vogue, in digitale

Love Letters to Milan è l’omaggio della redazione di Vogue Italia alla città. Dal 12 al 18 aprile sei designer reinterpretano virtualmente gli spazi della redazione del giornale.

08 aprile 2021

Vincent Darré, Luke Edward Hall, Anna Karlin, Marion Mailaender, Nendo e Studiopepe. Sono i nomi dei designer coinvolti per la terza edizione di Life in Vogue, che dal 12 al 18 riflettono sul significato di workspace, interpretando la redazione di Vogue Italia.

Il progetto di quest’anno si intitola “Love Letters to Milan”, a cura di Federica Sala, e vede per l’occasione l’apertura al pubblico delle stanze di un palazzo digitale creato ad hoc, che riproduce le fattezze della sede Condé Nast in Piazza Cadorna 5 a Milano.

“Life in Vogue 2021 è il nostro omaggio a Milano e al suo Salone. In attesa di tornare ad aprire le porte, non appena sarà possibile, alla comunità creativa internazionale, Milano non può e non deve perdere la sua centralità: questo progetto, che sfrutta la possibilità di raggiungere un’audience ancora più ampia data la sua natura digitale e non fisica, è il nostro contributo per mantenere accesi i riflettori sul settore, proprio nei giorni in cui il Salone avrebbe dovuto animare la città. Confidiamo che presto sarà possibile affiancare le piattaforme fisiche e digitali, mettendo a frutto quanto abbiamo imparato in questi difficili mesi di distanziamento forzato”, ha detto Emanuele Farneti, direttore di Vogue Italia.

Per tutta la settimana la piattaforma sarà animata da momenti di condivisione, conversazioni e visite guidate aperti al pubblico. Da martedì 13 a giovedì 15 aprile si susseguono contenuti esclusivi a cura di ciascun designer. Due appuntamenti giornalieri, rispettivamente alle ore 12 e 17. Con “A Visit to Jean Cocteau’s House by Vincent Darré”, “Round At Mine Again Soon with Anna Karlin”, “A Garden Promenade with Luke Edward Hall”, “A Conversation with Oki Sato”, “Duality in Creativity with Studiopepe” e “Walking by the sea with Marion Mailaender” gli artisti porteranno i visitatori alla scoperta delle loro passioni, fonti d’ispirazione e dei loro luoghi del cuore.

Da venerdì 16 a domenica 18 aprile gli utenti possono prendere parte a visite guidate degli spazi virtuali in compagnia di ospiti d’eccezione: il critico Francesco Bonami, Felix Burrichter, direttore di Pin Up, l’autore Costantino della Gherardesca, la designer Patricia Urquiola e l’artista Francesco Vezzoli.
 

Anna Karlin - Quarry for Vogue Talents Room Project

Nome

Luke Edward Hall - The Art Director's Summer Pavilion Room Project

Nome

Nendo - The Enlinghtened Graphic Room Project

Nome

Marion Mailaender - Party in the Fashion Editor's Office Room Project

Nome

Studiopepe - No Man Is an Island The Meeting Room Project

Nome

Vincent Darre - The Director's Anamorphic Office Room Project

Nome



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.

— Vedi anche