Focus


Alcova al Fuorisalone 2021

L’esposizione sarà un sapiente mix di esperienze e riflessioni sia italiane che internazionali intorno al tema del design, ad opera di nomi noti ma anche di tanti designer emergenti. 

21 luglio 2021

Alcova, progetto di Space Caviar e Studio Vedèt, dopo aver riportato in vita per due anni consecutivi gli storici spazi del panificio Cova & G. nel quartiere di NOLO, si ripresenta al Fuorisalone 2021 aprendo al pubblico un’altra straordinaria location milanese, a pochi passi dalla stazione metropolitana di Inganni. 

alcova_1
© Delfino Sisto Legnani

alcova_2
Valentina Ciuffi e Joseph Grima © Elisabetta Claudio

Tre edifici storici di incredibile fascino, immersi in un grande parco urbano: circa 3500 metri quadrati di spazi interni ed esterni con oltre 40 espositori tra designer indipendenti, brand innovativi, gallerie, istituzioni culturali e aziende. Come per le edizioni precedenti, Alcova si caratterizzerà per la varietà delle idee e dei temi che convergono nelle sue esposizioni, catturando un'istantanea di un mondo in rapida evoluzione.

alcova_3
© Delfino Sisto Legnani

alcova_4
© Delfino Sisto Legnani

La mostra combinerà nomi affermati della scena internazionale con figure emergenti e sperimentali per presentare prodotti e materiali innovativi, installazioni, laboratori, progetti site-specific, esperienze intorno al cibo e alla socializzazione. Discorsi ecologici, politici e antropologici, racconti sulla storia del design o espressioni di nuove correnti espositive si intrecceranno, confermando Alcova una delle mete più interessanti della Design Week milanese. Tra le presenze confermate segnaliamo India Mahdavi, The Swiss Arts Council Pro Helvetia, Tipstudio, Carwan Gallery e Andrea Maestri
 


Leggi anche: Il progetto Alcova, raccontato da Joseph Grima e Valentina Ciuffi


 



© Fuorisalone.it — Riproduzione riservata.

— Vedi anche